Come funzionano ecobonus ed ecotassa sulle auto nuove?

Come funzionano ecobonus ed ecotassa sulle auto nuove?

Cari lettori, oggi con questo articolo vogliamo spiegarvi come funzionano ecobonus ed ecotassa sulle auto nuove. Ti auguriamo una buona lettura!

Ci sono delle importanti novità per chi acquista un’auto nuova nel periodo compreso tra il 1 marzo 2019 al 31 dicembre 2021.
A tal proposito esistono delle misure varate dal governo che hanno lo scopo di premiare chi acquista delle auto sostenibili: esse prendono il nome di ecotassa ed ecobonus.

L’ecobonus: agevolazione per chi acquista una macchina elettrica o ibrida

L’ecobonus premia chi decide di acquistare un’ auto nuova a ridotto impatto ambientale, applicando uno sconto sul prezzo di acquisto già deciso dal venditore.
Questa agevolazione vale per tutti i veicoli nuovi di fabbrica che hanno un prezzo di listino inferiore a €50.000 e che sono immatricolati in Italia.
Il valore di questo contributo è diverso in base alle diverse situazioni, come ad esempio se si rottama un veicolo di classe Euro 1, 2, 3 o 4.
Chi si occupa di costruire il veicolo inoltre, deve rilasciare il certificato di conformità all’ omologazione dichiarata.
Tra le linee guida del 2020, l’ecobonus viene concesso anche alle vetture che producono meno di 60 grammi di CO2 al chilometro, e anche per le auto ibride plug-in e quelle elettriche.
Allo stesso modo viene anche premiato chi acquista un motoveicolo o un quadriciclo sempre ibrido o elettrico, che beneficerà di uno sconto sul prezzo di acquisto.

Il versamento dell’ ecotassa

Per quanto riguarda invece l’ecotassa, la normativa prevede che le auto che vengono acquistate nel periodo sopra indicato, devono pagare una tassa in porzione pari alla quantità del biossido di carbonio emesso per chilometro, quando si supera la soglia di 160 grammi al chilometro.
Questa tassa deve essere pagata da chi richiede l’immatricolazione, attraverso il modello F24 Elide e tramite l’invio del codice tributo “3500”, indicando i dati anagrafici di chi effettua il versamento.
L’ ecotassa non verrà applicata alle auto che prevedono un accesso per le sedie rotelle, per le auto funebri, per i campi e per i veicoli blindati, ma andrà a colpire anche chi deciderà di immatricolare in Italia i veicoli di categoria M1 che sono già stati precedentemente immatricolati all’estero, e varrà anche per l’acquisto in locazione finanziaria.

Due importanti novità per l’anno 2020

Sia l’ecotassa che l’ ecobonus sono due provvedimenti che vanno a sostenere l’ambiente promuovendo l’utilizzo di auto che abbiano un ridotto impatto ambientale, e hanno come obiettivo quello di ridurre il numero di auto inquinanti in circolazione.

È in arrivo anche un bonus per chi decide di acquistare gli scooter elettrici o ibridi, che dovrebbe consistere in un contributo di circa il 30% del prezzo di acquisto per un massimo di €3.000 nel caso si decida di rottamare un vecchio quadriciclo.

Attualmente sono stati depositati presso la Commissione di Bilancio, degli incentivi che valgono per quanto riguarda la ricarica dei mezzi ibridi ed elettrici, con la possibilità di detrarre la metà delle spese per quanto riguarda l’installazione di metodi di ricarica domestica.
La detrazione verrà elargita in circa 10 anni, oppure si può modificare l’impianto elettrico di casa arrivando ad una potenza dizionale di circa 7 kW.

Si spera che con l’imposizione di questi limiti aiuterà la riduzione dello smog e dell’inquinamento, andando a salvaguardare l’ambiente che ci circonda.

Per approfondimenti:
https://www.altroconsumo.it/auto-e-moto/automobili/news/ecotassa-ecobonus-incentivi-auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *