Come si calcola il bollo auto e quando si paga?

Come si calcola il bollo auto e quando si paga?

Se sei alla ricerca di informazioni sul bollo auto, allora sei nel posto giusto. In questo articolo infatti vedremo nel dettaglio tutto ciò che riguarda il bollo della tua auto.

Cos’è il bollo auto?

Il bollo auto (o anche tassa di circolazione) è una tassa relativa alla proprietà del veicolo, che grava appunto sull’intestatario dell’auto stessa e viene applicata su tutti i veicoli che sono regolarmente iscritti al PRA.
Per evitare di incorrere in sanzioni, è fondamentale rinnovare la tassa di circolazione ogni anno.

Come si calcola il bollo auto?

Il costo del bollo auto non è fisso, ma ha un costo variabile che varia a seconda di molteplici fattori. Nel calcolo della tassa di circolazione, il primo parametro da tenere in considerazione è quello relativo alla potenza del motore, che vien espressa in kilowatt a cui è possibile risalire consultando il libretto di circolazione. Il costo della tassa di circolazione poi, non è lo stesso su tutto il territorio nazionale: infatti, esso varia di regione in regione e per questo tra gli aspetti da tenere in considerazione, figura anche la residenza dell’intestatario stesso.
Gli ultimi due fattori sono rappresentati dalla classe ambientale e dal modelli di veicolo. A questo proposito, vediamo cosa succede quando il veicolo in questione è un auto storica.

Bollo auto storiche

Le auto storiche sono quelle auto che hanno “età” compresa tra i 20 e i 30 anni. Le auto che hanno 30 anni, sono del tutto esenti dalla tassa di circolazione e questo discorso vale sull’intero territorio nazionale.
Per quanto riguarda invece le auto con età compresa tra i 20 e i 29 anni, si potrà usufruire della riduzione del 50%. La storicità dell’auto è consultabile tramite il libretto di circolazione e deve essere fornita in sede di pagamento, per accertare la data e usufruire delle riduzioni dovute.

Quando si paga il bollo auto?

Il bollo dell’auto costituisce una tassa annuale e in quanto tale, il pagamento va effettuato soltanto una volta all’anno. Se si paga il bollo per la prima volta, allora il pagamento fa effettuato entro la fine del mese relativo all’immatricolazione dell’auto, mentre il rinnovo deve essere effettuato non oltre il mese successivo a quello della scadenza.

Come si può pagare?

In quanto tassa, il bollo dell’auto può essere pagato in diversi modi. I principali sono:

  • Sportelli ATM
  • Ufficio poste Italiane
  • Direttamente online, dal sito ufficiale dell’ACI
  • Presso i centri tabacchi abilitati

Non ho pagato il bollo auto: cosa succede?

Il bollo auto è una tassa obbligatoria. Se non viene pagata entro il giorno della scadenza, esiste la possibilità di pagarla entro un anno dalla stessa, subendo però sanzioni in piccola percentuale, che aumentano man mano che il tempo passa.
Se invece non si provvedere a regolare il pagamento entro l’anno, allora la sanzione sarà più salata e pari al 30% della tassa stessa.
Se il pagamento del bollo non viene effettuato per 3 anni consecutivi, allora si rischia l’esclusione dall’archivio PRA e non si potrà più circolare con quel veicolo, salvo nuova immatricolazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *